#


Venerdì 22 novembre torna Parla con FRidA: la ricerca dell’Università di Torino si racconta dal vivo al Polo del ‘900!

Si parlerà di identità europea tra opportunità e incertezze affrontando il tema da diversi punti di vista insieme a:

Tiziana Andina, Dip. di Filosofia e Scienze dell'Educazione / Marinella Belluati, Dip. di Culture Politica e Società / Magda Fontana, Dip. Economia e Statistica "Cognetti de Martiis" / Anna Mastromarino, Dip. di Giurisprudenza / Umberto Morelli, presidente Centro Studi per l’Europa / Elisa Palazzi, Dip. di Fisica e CNR. Modera Giulia Alice Fornaro, giornalista e redattrice di FRidA.


Dibattito + aperitivo
a partire dalle 18:30
Ingresso gratuito

La partecipazione è libera e gratuita. Ti chiediamo di registrarti su eventbrite per aiutarci a gestire al meglio l'evento.

L’incontro è organizzato da FRidA in collaborazione con Tw Letteratura per il progetto Eutopia Dystopia.


PER FORTUNA O PURTROPPO EUROPEI

Opportunità e incertezze su un’identità comune.


Cosa definisce l'identità, il senso di appartenenza a una realtà geografica e politica?
La storia e l'orgoglio per i personaggi conterranei illustri? Una lingua e una cultura comuni? Il particolare sapore di un piatto tipico e i profumi dei luoghi in cui siamo cresciuti? E perché è ancora difficile sentirsi europei?
Insieme ai ricercatori dell’Università di Torino rifletteremo sulle criticità ma anche sulle occasioni per costruire un’identità comune che possa essere alternativa al "noi primi", declinato nelle varie lingue europee e cifra dell’avanzare dei nazionalismi. Scopriremo che per definire l’identità europea occorre fare un processo di selezione, istituzionale e sociale, rielaborando traumi e tragedie della memoria recente e costruendo un immaginario collettivo che lo sostenga. Serve poi sviluppare un senso di appartenenza “transgenerazionale”, che potrebbe farci riconsiderare questioni come le tasse e le urgenze climatiche e ambientali. Di fronte a queste ultime occorre davvero agire in modo coeso, come coesi lavorano i ricercatori, che nel perseguire un obiettivo comune spesso riescono a precedere la politica costruendo reti che valicano i confini geografici.


→ Segui curiosità e approfondimenti sull'evento facebook

→ Sfoglia la proposta di lettura di FRidA dedicata all'Europa